/ L’enigma dell’infinitesimale

Li avete visti al crepuscolo, camminare lungo la costa, li avete visti in piedi sulle soglie, affacciati alle finestre, o a cavallo dell’orlo lento di un’ombra. Amanti degli spazi intermedi, non sono né qui né lì, né dentro né fuori. Anime misere, sono portati a fare esperienza dell’impossibile. Perfino di notte, stanno a letto sdraiati con un occhio chiuso e l’altro aperto, sperando di cogliere l’ultimo attimo della coscienza e il primo del sonno, di abitare quella terra di nessuno, quel luogo meraviglioso, da contemplare come solo un dio potrebbe, la congiunzione luminosa di niente e tutto.

Mark Strand, Quasi invisibile. Trad. Damiano Abeni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...